Diventerò famoso !

Alcune settimane fa il Monno (si veda qui) era stato folgorato da uno stralcio di una trasmissione radiofonica dove veniva enunciata di volta in volta una parola difficile (e fortunatamente se ne dava anche il significato).
Le “parole difficili di Marta Zoboli” erano assurte immediatamente a passatempo iper-splendido di casa Ovetti e soprattutto del Monno.

Sfortunatamente per il pargolo però, le suddette “parole difficili” si potevano contare in numero di 1 o 2 alla settimana, non di 10 o 20 come al Monno sarebbe sembrato ampiamente più logico.

Stante il problema, e non potendosene fare una ragione, il Monno ha cominciato a tartassare papà Ovo ad ogni rientro a casa dalle trasferte lavorative quando il medesimo ascoltava i podcast densi di tali “parole difficili”:
“Ci sono parole difficili nuove?”….
“No”….
”ma sei sicuro?”…
“Sì”…
“ma hai sentito tutti i podcast?”…
“Tutti tranne due”…
“Puoi sentirli adesso?”…
“No! Non posso sentirli adesso (sarei appena rientrato da Trento, dopo esser andato a Bolzano, prima ero stato a Bressanone e domani riparto per Bologna… stasera farei anche a meno)”…

“Vabbè, allora sentiamo la diretta? Magari ne sentiamo almeno una di parola difficile,… eh?”
“Senti Monno, facciamo così: se credi che siano poche puoi sempre scrivere alla Zoboli di farne di più; magari….”

Il Monno ci ha pensato un paio di giorni, poi una sera è andato da mamma Ova, le ha chiesto un foglio e ha vergato la missiva di suo pugno. Papà Ovo si è visto quindi in dovere domenica scorsa di prendere la suddetta lettera ed allegarne una copia ad una mail scritta alla redazione di Caterpillar in cui sostanzialmente lasciava il compito a tale redazione di sedare gli istinti del Monno nel voler dettare legge sui palinsesti del secondo canale radiofonico della Rai.

Lunedì pomeriggio il vetusto riceveva email in cui, sostanzialmente, la redazione si guardava bene dallo stroncare i suddetti sogni di gloria del settenne e inoltrava la missiva (con tanto di allegati) alla gentilissima Sig.ra Zoboli autrice del casus belli… ovverosia le “parole difficili”.

Lunedi sera il Monno, sempre per tramite della casella di posta elettronica di suo padre, riceveva una bellissima risposta dalla sua autrice preferita, zeppa di parole difficili apposta per lui!
Il Monno, prima incredulo, ha poi cominciato a cimentarsi con l’esegesi della lettera, il che ha tenuto il cucciolo impegnato per tutta la serata con grande divertimento della famiglia Ovetti ed alla fine ha colto il significato che in soldoni era: “Tesoro, grazie di cuore della lettera ma non è che posso trovare un numero infinito di parole difficili, e poi comunque il palinsesto lo fanno i direttori”.
Il Monno, dopo attenta lettura del testo e dopo finalmente aver capito il tutto, ci pensa su e poi esclama:
“Papà, se non le danno più tempo, scriverò ai direttori!”
Segue sbigottimento paterno…“No!… aspetta… non esageriamo…”

Martedì sera, in sessione plenaria casalinga (durante la cena) papà Ovo legge al Monno una nuova email giunta in giornata sempre da Caterpillar il cui significato più o meno è: “Vi dispiace se pubblichiamo la lettera del Monno sulla nostra pagina Facebook?”
Scoppia il pandemonio in famiglia!
Il Monno vira sul rosa acceso, poi sul rosso pieno, infine sul bordeaux e si zittisce di colpo colto da attacco di timidite acuta.
L’Ovetta esclama a gran voce “SI!!!! Dai Monno !!! Così la possono leggere tutti!!!”
Pica si alza da tavola, lo abbraccia d’istinto e comincia a cantargli “Tanti auguri a te” che non c’entra nulla ma si sa che per Pica il compleanno è la cosa più bella che ci sia.
Papà Ovo si vorrebbe domandare come mai tutta questa enfasi per Facebook e cosa ne sanno i suoi figli tutti under-10 ma poi decide di tralasciare come da tradizione paterna che si rispetti.
Il Monno capitola.
“Però Monno, secondo me sarebbe più giusto che gli scrivessi tu per dire che ti sta bene. La decisione è tua”.
Il Monno si alza, imbraccia la sua bic e verga una seconda missiva.

Martedì sera,… tutti in pigiama,… in cameretta,… pronti per andare a dormire,…
“Pica: tu per cosa ringrazi?”
“Io perché oggi sono andata a fare atletica e mi sono divertita”
“E tu Ovetta?”
“Io perché è arrivato un bel voto”
“E tu Monno?”
“io…. perché DIVENTERÒ FAMOSO !!!”

PS: per la cronaca la seconda letterina è veramente stata pubblicata sulla pagina Facebook di Caterpillar (o Faesbook come direbbe il Monno); se invece volete sentire il pezzetto della trasmissione dedicata al Monno potete cliccare qui sotto…

Posted in Uncategorized

Multicompleanno

Dopo aver festeggiato il suo compleanno con mamma, papà, fratello, sorella e qualche amico,
dopo aver festeggiato il suo compleanno con mamma, papà, fratello, sorella e i nonni, dopo aver festeggiato il suo compleanno con tutti i suoi compagni di scuola dell’amato fiocco arancio,
dopo aver insomma abbondantemente festeggiato, Pica – che è bene ricordarsi comincia a pregustare il compleanno verso febbraio con un certo anticipo sul calendario che pone il suo genetliaco solo alla fine di ottobre – quest’anno ha chiesto una piccola festicciola suppletiva con i suoi compagni di scuola al di fuori della stessa.
La richiesta, di per se non straordinariamente complessa, ha posto i genitori per la prima volta dinanzi all’organizzazione di una delle temutissime feste di compleanno al chiuso finora sempre evitate, stante i compleanni dell’Ovetta e del Monno in piena estate.

Ecco quello che si è capito dopo aver organizzato appunta tale festa…
1)        Decidere in una serratissima discussione coniugale la data della festa (“facciamo il 4 novembre?”… “No! Meglio il 30 ottobre!”) è perfettamente inutile. Tanto poi ti rechi in oratorio, chiedi quando è disponibile la saletta e loro ti dicono “Mmm…. Vediamo… se lo vuole fare quest’anno…. Il 2 novembre è l’unica data libera. Gliela prenoto?”
E tu di rimando… “Prenoti,… prenoti”
2)        Pensare che mettere i bigliettini d’invito alla festa nell’armadietto dei bimbi con la scritta “Si prega di confermare” voglia dire avere un quadro più o meno preciso del numero dei partecipanti è pura utopia: le conferme a due giorni dalla festa erano 6. Alla fine si sono presentati in 15!
3)        Quando uno aspetta gli invitati alle 16,30 e si presents alla “location” alle 16 per preparare tutto trovando le porte sbarrate, non deve gettarsi nel panico come ha fatto papà Ovo; un quarto d’ora dopo mentre si è in preda a crisi isteriche, ecco arrivare il “responsabile” che apre le porte (e basta gettare dentro tutto per sfruttare tutti i 15 minuti residui per preparare almeno il tavolo).
4)        Pensare a giochi accattivanti, nuovi ed eccitanti non serve; i maschietti si sono gettati sul bigliardino e non si sono più staccati, le femminucce hanno iniziato a ballare al ritmo delle hit dell’estate.
5)        Sbizzarrirti con torte multistratiche e decorate come un Kandinsky è altrettanto inutile: la torta al cioccolato classica con candelina apposita di colore rosa ha spaccato alla grande!
6)        Non bisogna esser troppo pignoli: se ad un certo punto, tanto per star sicuro che non ti sia sfuggito nessun cucciolo ti metti a contarli tutti e quindici e alla fine ne hai portati all’appello 16… non stare a sottilizzare… si vede che un nanetto si è imbucato!
7)        Comunque vada, in quanto “papà della festeggiata” fai molto ridere.
Spiegazione: almeno 4 bimbe dopo essersi parlate a lungo si sono avvicinate a papà Ovo e gli hanno chiesto: “Ma sei tu il papà di Pica?” “Si”… e se ne sono andate ridendo con fare molto cameratesco. Forse il genitore dovrebbe preoccuparsi.
8)        Programmare un ripasso di Bon-ton per Pica: davvero, cucciola, non è carino accogliere gli amichetti con la frase “Ciao, io sono la festeggiata! Tu me lo hai fatto il regalo?”
9)        Sperare che quando finalmente l’orologio segna le ore 18.30 tutti i cuccioli siano stati recuperati dai rispettivi genitori è decisamente troppo. E quindi ritrovarsi con un paio di mamme che chiacchierano amabilmente senza il minimo accenno a voler lasciare la festa, il tutto mentre tu raccatti piatti di carta e palloncini e rendi la sala vagamente presentabile, agognando il divano di casa!
10)      Mai dimenticare l’accendino!
Mamma Ova prepara la torta, papà Ovo raduna i cuccioli e come un cane pastore porta le pecorelle/bambini in direzione della torta; poi imbraccia la macchina fotografica per immortalare lo spegnimento delle candeline… che però nessuno riesce ad accendere visto che non abbiamo un accendino… e nessuno degli astanti fuma… e al bar non hanno nemmeno un fiammifero….
Papà Ovo posa la reflex e veste i panni di papà Bolt schizzando fuori dalla saletta, scapicollandosi in strada, adocchiando una panetteria, gettandosi dentro, pregando un gentil cliente di prestargli l’accendino e di aspettarlo li cinqueminuticinque, rifacendo la strada all’indietro, lanciando l’accendino a mamma Ova, ri-imbracciando la reflex, dando il là alla più classica “Tanti auguri a te!” e mentre scattano gli applausi rifacendo tutta la strada per riconsegnare allo stupitissimo cliente della panetteria il suo accendino salvo poi stramazzare tra una baguette e un biovetta ai multi-cereali.

Comunque è stato un trionfo!
E’ stato il Giorno (con la G maiuscola di Pica) che si è goduta dal primo all’ultimo secondo e finalmente possiamo dire di aver finito i festeggiamenti dell’ultimogenita.


… poi lo sappiamo che tra sei mesi, ma proprio al massimo, la cucciola ti verrà vicino all’orecchio e sottovoce, senza che tu te lo possa aspettare, ti dirà: “Papà? Cosa facciamo per il mio sesto compleanno?”

Posted in Uncategorized

La bottiglia

Sabato mattina…

8,25
Mentre Pica dorme beata (sopra le coperte ma almeno sdraiata sul letto e non sul duro pavimento), Monno e Ovetta sgattaiolano silenti verso la camera degli augusti; controllano l’ora e decidono che, rischiando le ire funeste dei genitori, possono azzardare un “Mamma?…. papà?…. ci svegliamo?”

Ora è bene che si sappia che da anni i vetusti sono porta voci di una battaglia per cercare di forzare i nani a svegliarsi se non in tarda mattinata, almeno in mattinata! (Dove per mattinata si intende un qualsiasi orario che sia dopo le 8,00 … e non prima…ossia notte piena).
La battaglia di solito è persa.
Questo sabato invece, non si sa per quale motivo, la frase “mamma?…. papà?…. ci svegliamo?” ha permesso agli augusti di vedere stampato sulla sveglia in camera da letto un tranquillizzante ed insperato “8,25”.
Come premio i cuccioli sono stati invitati nel lettone; mamma e papà speravano di raggomitolarsi i pargoli e proseguire nel dolce dormiveglia: errore.

8,27
L’Ovetta si è avvinghiata a mamma sussurrandole dolci parole… trenta secondi dopo con fare tipico degli elefanti africani, si ribalta nel letto, si avvinghia al padre e gli sussurra dolci parole…. trenta secondi dopo il pachiderma ha nuovamente cambiato posizione e così via….

8,29
Il Monno invece si è adagiato vicino al padre, ha spinto in fuori il culotto prendendo posizione sempre più ampia e costringendo il vetusto a cedere posizione e infine ha esclamato:
“Ma come fai a dormire in questa stanza?”
“???? Perché?”
“Sul comodino c’è una bottiglia.”
“E allora?”
“Non si può dormire guardando una bottiglia!” (frase pronunziata come verità assoluta ed incontrovertibile)
“??? Scusa Monno e perché no? Io quando dormo non è che guardo cosa ho in giro.
E poi scusa, tu cos’hai in giro?”
“I giochi! E allora mi addormento”
“Non capisco; non è che dormi guardando i giochi, no?”
“Certo che no! (Oh Padre… che affermazione sciocca,…. Ovviamente no!) ma mi addormento guardando le cose belle… cioè i giochi!”
“Aspetta,…. Vuoi dirmi che per dormire devi guardare i giochi?”
“Devo guardare qualche cosa di bello oppure i giochi; non una bottiglia!”
“E di grazia, cosa guarderesti dal tuo letto?”
“Vedi: io guardo da una parte e ho i puzzle, dall’altra ho gli occhioni di Gigiu (n.d.r. enorme ippopotamo rosa che staziona da 7 anni or sono al fianco del letto del Monno per evitargli fra le altre cose la caduta). Poi c’è Pica, davanti ho i giochi e sopra ho l’Ovetta… vedi… da tutte le parti c’è qualche cosa di bello. Tu hai una bottiglia! Non si può dormire in questa stanza!”

8,31
Premesso che papà Ovo ci tiene a far sapere che si tratta di una bottiglia d’acqua e che lo scrivente non è quindi avvezzo a tracannare scotch poco prima di addormentarsi; comunque sia il vetusto è rimasto lì… cinque minuti… tra il culotto di un figlio e le dolci parole di un Dumbo dall’altra parte… a guardare la bottiglia con sguardo diverso e, a pensarci bene,… la teoria Monnesca,… in fondo, …non è campata in aria…

Posted in Uncategorized