Tag Archives: scuola

Internet mon amour

E anche la terza virus-settimana è passata:… e questa volta con una perfetta organizzazione.

Mamma Ova continua la sua maratona di e-lesson a cui ha aggiunto anche qualche e-exams. 
Ormai produce e-lezioni molto belle e curate, sul risultato degli esami invece…. Vabbe.

Papà Ovo questa settimana non ha avuto trasferte (ovvio) e quindi è diventato ufficialmente il pony express di casa ovetti allargata: lui, la sua fida macchina cicciotta, e la sua scorta di mascherine in missione chirurgica per negozi (pochi) ad orari assurdi per trovare meno gente possibile e portare poi il tutto prima agli Ucas e poi a casa.

L’Ovetta si è schiantata di compiti per metà settimana, poi ha capito che, se anche non teneva il passo, fino in fondo non sarebbe stato un grandissimo problema stante il perdurare della chiusura totale e si è rilassata un pochetto e, alla fine, è riuscita comunque a fare tutto!

Pica continua a fare i suoi (pochissimi) compiti con poco entusiasmo: il risultato è stato una due giorni di castigo continuato e prolungato da cui lentamente ne è uscita. In compenso scrive un diarietto quotidiano da cui, di tanto di tanto, escono perle poetiche del tutto inattese.

Il Monno è quello che si è adattato meglio di tutti o forse che riesce a farsi scivolare addosso meglio questa situazione: fa i compiti, se li fa correggere e poi tampina chiunque sia libero al suon di “giochi con me?”. Certo, non parlategli di Coronavirus, che subito si rabbuia e intristisce assai.

Poi, a metà settimana, con una mail tanto ufficiale quanto attesa e temuta, la dirigente scolastica degli Ovetti ci ha informato di aver attivato tre account a nome dell’Ovetta, del Monno e di Pica e se per gli ultimi due non si è ben capito a cosa serviranno, per la grande questo vuol dire che da lunedì farà anche lei lezione on line.

Questo, ai più, potrebbe sembrare poca cosa: non lo è.
Improvvisamente i due computer e i due tablet di casa sono diventati preziosissimi e limitatissimi.
Pica controlla regolarmente la sua posta scrivendo bellissime mail di due righe (scarse) con la sua amica del cuore: mail coloratissime che necessitano di tempi biblici per essere scritte.
Il Monno scrive pessimistiche email ad una sua amica fortunatamente molto ottimista (il tono è: lui…“non ce la faremo mai”, lei… “dai che tra poco torniamo a scuola”… e poi tutto da capo).
L’Ovetta si prepara alle lezioni (vere) che arriveranno da domani.
Mamma Ova ha applicato un coprifuoco sul suo tablet personale: l’unico già settato per le sue lezioni on line… almeno fino a quando qualche bimbo non riuscirà a metterci le mani sopra.
Papà Ovo è riuscito a spiegare a 24 genitori della classe del Monno come fare un account in Office e condividere una cartella con le maestre: sarebbe stato più facile battere Bolt sui 100 metri.

Lunedì, alle 10, mamma Ova darà una lezione on line, l’Ovetta pure, papà Ovo avrà una telco sempre on line, internet probabilmente non reggerà e comunque Monno e Pica saranno lasciati allo stato brado… Si vedrà. 

Ma la settimana ha visto anche bei momenti e a tal memoria si annoverano:

1)         un paio di giornate finalmente davvero primaverili che hanno regalato il giardino agli Ovetti…. Qualche ora davvero spensierata. 
2)        l’ormai tradizionale videochiamata giornaliera con gli Ucas, un po’ per risollevare il morale dei nonni e un po’ perché la tecnologia sta diventando terra di conquista degli ovetti.
3)        la pasta e le meringhe fatte in casa (tutto rigorosamente GF)… per la gioia di tutti e con la partecipazione attiva di tutti.
4)        i raid sul terrazzo per gli applausi ai medici: con i nanetti saltanti e gioiosi perché in fondo… son nanetti!
5)        uno striscione colorato in mansarda nel week-end, con anche i brillantini per la gioia di Pica, beh… basta la foto, no?

Posted in Uncategorized Also tagged , |

Marines

Con l’inizio della scuola media, l’Ovetta ha dovuto cominciare a conoscere una selva di nuovi professori.
Ovviamente, come giusto che sia, ci sono i preferiti, i “buoni”, quelli “vecchietti”, quelli “troppo forti”, quelli “Sì,.. beh…” e poi c’è lui! Il temibilissimo professor M., docente di una materia che ai più farà correre un brivido lungo la schiena: scienze motorie o per il vetusto papà Ovo … educazione fisica o meglio ancora ginnastica.

Papà Ovo ha realizzato quindi che il grosso dello scoglio, nelle relazioni personali Ovetta-corpo docente, aveva come ostacolo maggiore il prof di educazione fisica e ne è stato intimamente felice. Poi, nella settimana scorsa, ha pure conosciuto detto professore che, in maniera molto onesta, ha ammesso i suoi modi bruschi, forse un po’ rudi, ma comunque tesi a “svegliare” questi ragazzi e a dargli i primi rudimenti di quante più attività fisiche possibile. Papà Ovo l’ha promosso, se non altro memore dei suoi professori di educazione fisica il cui impegno era inversamente proporzionale alla classe d’insegnamento.

Mercoledì scorso, si è tenuta la lezione con “corsa campestre e valutazione” il cui riassunto, interamente dedotto dal racconto dell’Ovetta si può qui riassumere.

“Prima il professore ha sistemato i maschi a piccoli gruppi ai vertici di un grosso rettangolo che poi erano gli 800 metri della campestre, poi ci ha detto quale era il percorso e ci ha dato il via.
Tutte le mie compagne sono partite a razzo, io invece no. Poi, a metà del primo lato, sono tutte scoppiate e io ho iniziato a superarle tutte e alla fine del primo giro ero in testa.
E’ stato tutto molto bello perché anche i miei compagni facevano il tifo per me; beh… a parte quando mentre correvo ho dovuto dire a Mp e MF dove dovevano mettersi a fare l’angolo perché stavano andando a farfalle.”
“E quindi hai vinto?”
“Si! Sono arrivata prima!”
“Brava Ovetta! E quanto ci hai messo?”
“Mmmm… 3 minuti e qualcosa.”
“Buon tempo, brava. E le tue amiche erano subito dopo di te?”
“Noooooo. Molte sono arrivate molto dopo di me… e hanno preso 4.”
“4? E in quanto sono arrivate le ultime?”
“7 minuti e mezzo”
“Azz!…. Pardon,…. Volevo dire, effettivamente…”
“Sì però Papà, non erano proprio le ultime.”
“In che senso?”
“7 minuti e mezzo è il tempo per le ultime che sono arrivate correndo, poi ci sono quelle che hanno camminato, non ce la facevano proprio.”
“… Non ce l’hanno fatta??? Ma davvero?” 
“E poi c’è stata quella che si è persa”
“????? Persa? Facendo due giri per un totale di 800 metri? Vale a dire 400 metri a giro? Circa 100 metri per lato? Come (diavolo) si fa a perdersi?”
“Boh! Però il prof a quel punto mi ha chiamato e mi ha detto: tu, che sei stata la più veloce, ti do 10, però adesso vai a cercare la dispersa.”


“Vabbè. Hai preso 10 Ovetta!!!! E hai anche ritrovato la compagna dispersa.” Al professor M(arines) onestamente … invece un sincero in bocca al lupo… lo aspetta un gran lavoro!

Posted in Uncategorized Also tagged , |

Firma !!!

Ore 7,45
“Ovetta…. svegliati…. È ora di andare a scuola.”
L’Ovetta si stropiccia gli occhi, mugula un pochetto e poi si alza stancamente dirigendosi in bagno.
“Monno… svegliati… E’ ora di andare a scuola.”
Il Monno apre gli occhi… realizza la ferale notizia che suo padre gli ha appena elargito… sbarra gli occhi e si lascia andare ad una sola parola che esterna in modo chiaro, inequivocabile ed assoluto il suo stato d’animo: “NO!”
“Pica… (piccola cucciola abituata a svegliarti il più tardi possibile)… svegliati (dai cucciolina… lo so che per te è durissima, però oggi è una giornata specialissima)… E’ ora di andare al tuo PRIMO giorno di scuola!”
Pica apre gli occhietti, si alza con velocità smodata e stampa un sorriso a 58 denti prima di correre (!) in bagno.

Ore 8,25
Dopo abbondante colazione la truppa si dirige a scuola.
Qui l’Ovetta ritrova le sue compagne di scuola e ricomincia là dove aveva finito alcuni mesi fa: un chiacchericcio-spettegolamento continuo che include tutte le femminucce ed esclude (rigorosamente) tutti i maschietti.
Il Monno si presenta con la sua faccia da funerale ma, dovendo trovare dei punti positivi, onde poter andare avanti nella giornata, realizza che “mancano solo 104 giorni a Natale e stasera mancherà anche un giorno in meno alla fine della scuola!”
Pica, che comincerà la scuola solo alle 10,30, è la mascotte del gruppo: riceve complimenti ed auguri dai compagni dell’Ovetta, dagli amici, dai genitori presenti e pure dalle maestre che stanno entrando a scuola. Lei che ormai da 4 anni è stabilmente fissa davanti a quei cancelli ormai conosce tutti e gongola al pensiero che tra poco quei cancelli si spalancheranno, finalmente, anche per lei.

Ore 10,30
Dopo esser tornati a prendere la sua cartella (che per inciso “è la cartella più bella di tutte…. Vero papà?”) Pica si presenta al suo primo giorno di scuola in compagnia di mamma e papà.
Qui trova la sua amica dell’atletica e sua prossima compagna di classe I. e mano nella mano vengono presentate alle maestre O. e M. (“Mamma a me è simpatica la maestra M. e chiederò le cose sempre e solo a lei”… cominciamo bene!)

Ore 10,45
Dopo che i bimbi di quinta hanno accolto i piccoli cuccioli di prima (ma ovviamente la notoria elasticità della nostra scuola non ha permesso all’Ovetta di accogliere Pica in un’ideale stupenda staffetta), i cuccioli seguono per la prima volta le maestre in classe con i genitori al seguito.
Pica decide di mettersi vicina di banco alla sua amica I. (brava Pica… meglio avere un’amica sempre vicino in caso di difficoltà) e decidono di prendere il primo banco… quello più vicino alle maestre (dubbi di paternità affiorano nella mente di papà Ovo).

Ore 10,50
La maestra annuncia: “Bimbi, se avete un astuccio prendetelo pure che facciamo un bel disegno”
Pica ci pensa una frazione di secondo e poi esclama: “Ce l’ho!”, schizza in piedi, si getta nella cartella (che è più grande di lei) e ne esce on il suo astuccio trionfante.

Ore 10,55
La maestra annuncia: ”Bimbi, direi che adesso potete salutare mamma e papà che andranno a fare un giro e li ritroveremo qui fuori tra un’oretta”
Pica, seria, serissima, si gira verso di noi e ci tranquillizza: “Papà, adesso davvero devi andare via (oh vetusto genitore, lo so che per te è difficile ma davvero mi vedo costretta ad obbligarti. Sfortunatamente infatti non ti è possibile rimanere più a lungo in questo fantastico posto, cerca di sopportarlo, vedrai che il tempo passerà presto)”
“Ok Pica, allora ci vediamo fuori. Va bene?”
“Si,.. si… adesso vai.”

All’uscita la cucciola ci ha immediatamente informato che aveva una comunicazione delle maestre da farci firmare.
Poi per festeggiare… tutti a mangiare una piadina!… dove la cucciola ci ha informato che non avevamo ancora firmato la comunicazione delle maestre.
A seguire nel pomeriggio biciclettata in famiglia… è la cucciola ci ha tenuto ad assicurarsi che avessimo firmato la comunicazione.
E per finire tutti a nanna belli contenti.. si spengono le luci.. e si sente Pica urlare: “MAMMA HAI FIRMATO LA COMUNICAZIONE, VERO?”

 

Insomma: il primo giorno di Pica è stato un successone!
(… basta firmare le comunicazioni però!)

Posted in Uncategorized Also tagged , |