53012

E alla fine ci siamo arrivati per davvero!

Un anno fa e precisamente il 3 novembre del 2018, chi vuole può leggere cliccando qui, papà Ovo aveva annunciato che, per festeggiare i suoi 50 anni, avrebbe corso una maratona; il fatto che fino ad allora non avesse mai fatto neppure un km di corsa…. non sembrava essere così importante.

Da allora, il vetusto ha letto un paio di libri sull’argomento (beh… diciamo che li ha sfogliati), ha passato un paio di notti su vari siti specialistici (sentendosi sempre più un Abele Bikila in versione brianzola), ha contattato un paio di sedicenti amici corridori (che ovviamente prima l’hanno irriso e poi gli hanno dato qualche dritta), ha comprato indumenti tecnici di varie pesantezze (e di dubbio stile cromatico), ha comprato un paio di scarpe serie (facendosi umiliare dal commesso), ha controllato di essere in perfetto stato fisico attraverso esami medici seri (per lo stato mentale… vabbè) , poi si è vestito, ha allacciato le scarpe ed è partito…

Ecco quello che papà Ovo ha capito preparando una maratona:
1)        SI PUÓ FARE !!! Sì, sembra impossibile all’inizio, ma poi piano piano… non sembra più così impossibile. 
2)        Tempi: tre mesi per la mezza maratona; gli altri nove per quella intera. Può sembrare sproporzionato ma non lo è.
3)        Temperatura: si corre a -5°C senza problemi, si corre sotto la neve senza problemi, si corre al mattino senza problemi, si corre alla sera senza problemi; ma se fa caldo… lascia stare: non è cosa. Diciamo che tra luglio e agosto ci sono attività migliori da fare.
4)        Non sei solo: scegli una buona musica, che ti sia di sottofondo per tutti i viaggi che farai con te stesso. Hai un sacco di tempo, puoi pensare ad un sacco di cose, vedere il mondo intorno con un occhio diverso …vorrei dire più rilassato… ma non esageriamo.
5)        Soprattutto… Datti un programma e mantienilo: sempre!

Numeri… (per accontentare il Monno)
1)        La prima corsa è durata 3 km, il “lungo” più “lungo” ben 37 km.
2)        All’inizio si alternano 20” di cammino ogni km di corsa; ora ogni 4 km di corsa
3)        Fatti 114 allenamenti… poi la maratona.
4)        Alla fine, i km percorsi saranno più di 1500; come andare da Aosta a Catania (e detto così fa proprio effetto!)
5)        Soprattutto … Il vero numero è il 53012…. Il numero di pettorale domenica!

Da non dimenticare:
1)        Pica che ha deciso che doveva allenare lei papà Ovo… “Papà! Non ti fermare… fai come me… vedi? IO faccio atletica!”
2)        Il Monno che ha accompagnato il vetusto genitore per l’ultimo allenamento da 12 km in Italia, per cui fremeva  da settimane; è arrivato stanchino, ha avuto un crollo nel pomeriggio e ha passato la serata a riguardarsi le sue statistiche di corsa.
3)        le mattine al Parco di Monza in mezzo agli scoiattoli con la nebbiolina all’orizzonte
4)        tutti i mille e più “high five” scambiati con perfetti sconosciuti 
5)        Soprattutto… impossibile dimenticare domenica prossima! 

E ora?
Venerdì papà Ovo prenderà un volo per New York. Sabato si sgranchirà le gambe in una 5 km organizzata dal New York Road Runner. E domenica correrà la maratona!

Quando si dice: “Born to run”!


PS: Domenica prossima papà Ovo non sarà in condizioni fisiche tali da permettersi di digitare su una tastiera. Lascierà l’incombenza di un aggiornamento sul suo stato di salute a mamma Ova…

PS(2): Per chi sia interessato al programma per i giorni prima della gara e per il giorno della gara stessa (un filo impegnativo come programma) lo potete trovare qui sotto mentre la corsa del vetusto può essere seguita “live” sul sito ufficiale https://liveresults.nyrr.org; infine i tempi ufficiali e le classifiche verranno postati dopo la corsa sempre sul sito ufficiale alla pagina www.results.nyrr.org.

In entrambi i casi, cercate il numero di pettorale 53012!

Programma
Venerdì pomeriggio: partenza MXP- JFK con arrivo in serata
Venerdì sera: Ritiro pettorale “Abbott to Finish line”
Sabato mattina: Abbott to Finish line (Gara di 5 km)
Sabato pomeriggio: Ritiro pettorale presso il TCS New York Marathon Expo e briefing presso Sheraton times Square
Sabato sera: … di libertà!
Domenica mattina:
@6,20 Ritrovo Hall Hotel
@6,30 Bus (Hotel – Battery Park Whitehall Terminal)
@7,30 Ferry (Battery Park Whitehall Terminal – Staten Island)
@7,50 Bus (Staten Island – Fort Wadsworth)
@8,10 Arrivo GREEN VILLAGE
@10,00 Trasferimento ai cancelli WAVE 3 / CORRAL E
@10,15 Chiusura wave / corral
@10,35 Start!
Domenica pomeriggio: sdraiato in qualsiasi posto 
Domenica sera: Manhattan by night (Oh Yeah!)
Lunedi mattina: de-briefing al Marathon Pavillon in Central Park
Lunedi pomeriggio: Saluti, checkout e trasfer al JFK
Lunedi sera: partenza JFK – MXP con arrivo martedì in tarda mattinata.

This entry was posted in Uncategorized.

2 Comments

  1. mapa 28/10/2019 at 01:23 #

    Ti seguiremo!

  2. L'angolo di me stess 29/10/2019 at 16:56 #

    Che bella la foto papà+figlio!
    E allora aspettiamo aggiornamenti…certo che a New York solo per un weekend con tanto di maratona…che smazzata!

Post a Reply to mapa

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*